Home > Slot machine scandalo

Slot machine scandalo

Slot machine scandalo

Le società, per il biennio — , pagheranno le tasse con una cifra forfettaria, quella prevista nel caso di mancato collegamento per cause di forza maggiore, senza che nei loro confronti venga erogata alcuna multa. È la Corte dei Conti che, raccogliendo una serie di segnalazioni, dà alla Guardia di Finanza il compito di fare luce sulla vicenda del mancato collegamento delle slot. Una peraltro necessariamente parziale verifica consente alla Gdf di individuare migliaia di macchinette non collegate, lasciando intendere che il danno erariale possa essere elevatissimo. Il mancato controllo sulle slot è, in effetti, un problema enorme, come avrà modo di spiegare il generale Umberto Rapetto , a capo del nucleo speciale della Gdf: In sostanza, per un periodo piuttosto ampio di tempo, decine di migliaia di slot sono state del tutto fuori controllo, non solo per quel che riguarda la quantificazione degli introiti tassabili, ma anche per la restituzione delle vincite ai giocatori.

Da dove viene la cifra di 98 miliardi di euro? In pratica, la cifra finale viene fuori non attraverso calcoli su un ipotetico volume delle giocate, né applicando sanzioni che ipotizzano un abbassamento delle quote di vincita o altre operazioni di manomissione delle slot, ma semplicemente applicando le penali previste da un contratto sottoscritto sia dallo Stato che dai concessionari. La procura della Corte dei Conti contesta dunque ai concessionari somme per poco meno di 90 miliardi di euro qui l'elenco delle richieste alle singole società. Ora bisogna fare un salto in avanti e arrivare al , quando la vertenza giudiziaria arriva finalmente a conclusione e la sezione giurisdizionale del Lazio della Corte dei Conti pronuncia la sentenza numero La sentenza arriva dopo una lunghissima battaglia legale e molti tentativi di impugnare la legittimità stessa del processo.

Ma a quanto pare le società non hanno provveduto. Di chi è la colpa? Questo è uno dei temi del procedimento a loro carico. Di certo il mancato allacciamento ha permesso di risparmiare, e molto, sulle tasse. Possiamo chiamarla evasione fiscale? Che prevedevano, nero su bianco, penali severissime. Ci sarà un fondo di verità in quanto sostiene la rete? Mercantile dirottato diretto a Malta Sal Migranti salvati in Libia, dissequestrat Il delitto Scopelliti e la supercupola c Inquinamento, il Tribunale annulla seque In passato è stato anche assistente parlamentare del deputato del Pdl Amedeo Laboccetta con il quale è stato arrestato oggi dopo che si e scoperto che i loro legami non erano solo politici.

Oltre ai legami con la politica, Corallo ha notevoli intrecci anche con il mondo quello della finanza. Ma ne è uscito sempre pulito. Corallo aveva casa e ufficio in piazza di Spagna. Poi erano accaduti due fatti rilevanti: Dopo 14 mesi di latitanza, Francesco Corallo, che afferma di avere restituito i milioni alla Bpm, è tornato in Italia, si è costituito ed è stato per un po' agli arresti domiciliari, fino a che la sua posizione si è alleggerita in quanto la Bpm ha ritirato la querela facendo decadere il reato di corruzione. In sostanza, Francesco Corallo non ha dovuto più rispondere di corruzione, ha pagato il suo debito alla banca e il 26 luglio la Prefettura di Roma ha sospeso temporaneamente la validità dell'informativa antimafia interdittiva del 24 settembre che aveva causato l'esclusione di Bplus dalla gara per le concessioni.

Oltre che con Laboccetta, Corallo aveva anche ottimi rapporti con l'on. Milanese, braccio destro di Tremonti. L'allora Alto commissario antimafia Domenico Sica si era interessato alla presenza dei catanesi nell'isola caraibica, forse sospettando che Santapaola ci fosse tornato in latitanza, ma le indagini non avevano fatto molta strada. Mel B: Costanza Caracciolo e Bobo Vieri sposi? Il servizio è disponibile con i browser Chrome e Firefox su computer desktop e sul browser Chrome sugli smartphone Android. È possibile sospendere in qualsiasi momento l'invio delle notifiche push selezionando il pulsante di disattivazione che sarà disponibile in questo menu.

Secondo i giudici il danno errariale è enorme. Nel mirino nell'indagine anche i rapporti con politica e mafia. Ottantotto miliardi di euro. Il grande scandalo delle slot machine arriva alla svolta. Entro sessanta giorni il giudice stabilirà se nelle casse dello Stato dovranno rientrare 88 miliardi o pochi spiccioli. O addirittura nulla. In ballo la mega penale che, secondo la Procura della Corte dei Conti, le società concessionarie delle slot dovrebbero allo Stato per non aver rispettato le condizioni delle concessioni.

Non solo perché la Corte deve ancora decidere. Il punto è un altro: Quelli delle società concessionarie, ma anche dei partiti che sui giochi hanno scommesso molto. La grandezza della somma è inversamente proporzionale alla pubblicità che la vicenda ha avuto. È il quando il Gat Gruppo Antifrodi Tecnologiche della Finanza comincia a occuparsi della storia.

Decine di migliaia di slot machine non sono collegate alla rete che registra le giocate. Addirittura in un locale di Riposto Catania risultano depositate Quando gli agenti tentano una stima della penale non credono ai loro occhi:

Slot, il condono della vergogna - l'Espresso

è noto come il re delle slot machine e dei videopoker (appellativo datogli nel In seguito allo scandalo, Ponzellini finì in galera, perse tutte le. Negli ultimi mesi è tornata a circolare una vecchia storia falsa che risale a cinque anni fa, secondo cui il governo avrebbe fatto uno sconto alle. Di Barbara Benedettelli 98 MILIARDI di euro equivalgono a ben 5 manovre economiche. Sono i soldi che alcune concessionarie di slot. Slot, il condono della vergogna dall'altra, trova i soldi per cancellare la tassa facendo un bello sconto ai concessionari di slot machine. Quella dei 98 miliardi di euro "regalati" ai signori delle slot machine è una storia incredibile, che ha un solo problema, enorme: la. LO SCANDALO DELLE SLOT MACHINE. Cronistoria di uno Stato biscazziere e distratto e di 10 concessionarie che si ingrassano con il gioco d'azzardo. Ottantotto miliardi di euro. L'equivalente di quattro manovre finanziarie. Il grande scandalo delle slot machine arriva alla svolta. Lunedì alla.

Toplists